Esultanza Comparoni-Bovolenta

Bovolenta-Orioli da una parte, Porro-Boninfante dall’altra. I ragazzi di Bonitta cercano il tris di successi consecutivi

C’è Ravenna-Prata nel programma dell’ottava giornata d’andata del campionato di A2. E il match, che vede per la prima volta di fronte le due squadre, diventa un bello spot per la miglior gioventù italiana. Sul parquet del Pala Costa, oggi alle 18 (diretta su volleyballworld.tv, direzione di gara affidata a Clemente di Parma e Sabia di Mezzocorona) si affrontano da avversari i neo campioni d’Europa Under 20: Bovolenta-Orioli da una parte, Porro-Boninfante dall’altra. Il solido presente di questi ragazzi, proiettati con belle speranze nel futuro, dà sostanza ulteriore ad una partita tra due formazioni che guardano più verso l’alto della classifica, divise da un punto. “Parliamo di ragazzi importanti, di campioni d’Europa titolari – osserva il coach della Consar Rcm Marco Bonitta – ed è molto bello che possano essere protagonisti in questa stagione. Incarnano il progetto che noi e loro abbiamo elaborato e nel quale crediamo”.
La Consar Rcm è reduce da due vittorie di fila e da tre nelle ultime quattro partite, la Tinet, massima espressione del volley friulano, ha un attimo rallentato dopo la partenza sprint: sono nel gruppone di squadre, ben sette, divise da un punto, che si è creato alle spalle delle tre battistrada. “Prata è una squadra forte, ha il morale alto e una notevole qualità nella potenza sia in battuta che in attacco. Cercheremo di fare la nostra partita sapendo che sarà molto difficile e che dovremo avere massima attenzione. Ma anche noi abbiamo il morale alto, abbiamo trascorso una settimana bella, il gruppo è sereno e motivato. Siamo pronti e fiduciosi di poter disputare una bella partita”.
Sarà soprattutto il servizio l’arma in mano alla Tinet che la Consar Rcm dovrà disinnescare. La compagine di coach Boninfante, padre dell’azzurrino campione d’Europa, è infatti largamente in testa per numero di ace messi a segno: ben 50 in 26 set disputati, distribuiti tra tre giocatori (Porro 17, Petras 10 e Boninfante 9). “Non c’è bisogno di nasconderlo – ammette Bonitta – perché i numeri parlano chiaro. La chiave della partita sarà lì: dovremo soffrire molto e trovare le contromisure adeguate per opporsi a questo servizio”.
Sarà la prima volta da ex a Ravenna per due giocatori che hanno avuto una breve esperienza nel club bizantino: lo schiacciatore cubano Gutierrez, che disputò la SuperLega nella stagione 2017/18 al suo primo anno in Italia dove è tornato quest’estate, e il centrale Bortolozzo che con Bonitta coach ha vissuto a Ravenna la stagione 2019/20.