(Foto Ravaioli)

I giallorossi si spengono dopo un buon primo quarto

Non riesce a rompere il tabù trasferta l’OraSì Ravenna, che, dopo un buon primo quarto, incappa in una brutta sconfitta 88-76 sul campo dell’Umana Chiusi. I giallorossi non riescono a pareggiare l’intensità avversaria nel secondo tempo, concedendo troppi rimbalzi d’attacco e conclusioni facili agli avversari. Non bastano i 20 punti di Lewis, molti dei quali arrivati però nei minuti finali. Buona prova per Bartoli con 15 punti dalla panchina.

La partita

Alla palla a due Coach Lotesoriere ripropone il quintetto con capitan Musso, Anthony, Bonacini, Petrovic e Lewis. Avvio di gara frenetico, con l’OraSì che allunga grazie alla difesa e alle triple di Bonacini e Petrovic, con la schiacciata in contropiede di Lewis che vale il 3-8. Medford con un gioco da 4 punti tiene a galla Chiusi (7-8), che trova poi la parità a quota 14. Nel finale Ravenna continua a rubare tanti palloni e prova un nuovo allungo sul 14-20, chiudendo poi il parziale avanti 22-26.

Il secondo quarto si apre con la tripla di Bozzetto (25-26) e i padroni di casa pareggiano ancora per due volte, prima sul 26-26, poi sul 30-30. I giallorossi sprecano tanti palloni, ma continuano a difendere con aggressività e la tripla di Bonacini vale il nuovo allungo sul 30-34. Il nuovo aggancio arriva sul canestro pesante di Porfilio (37-37) con l’OraSì che perde un po’ di lucidità nel finale, subendo il primo sorpasso della partita (39-38) anche a causa dei troppi rimbalzi d’attacco concessi. La tripla allo scadere di Medford manda le squadre negli spogliatoi sul 42-38.

Il rientro dall’intervallo lungo è traumatico per Ravenna che incassa subito un brutto parziale finendo sotto in doppia cifra sul 48-38. I giallorossi continuano a subire troppo a rimbalzo d’attacco e perdono il contatto con la partita, con i padroni di casa che scappano con le triple di Bolpin e Porfilio per il 60-45. Chiusi tocca il +16 (61-45), ma Bonacini suona la carica con la tripla del 61-48 e gli ospiti, schierati a zona in difesa, tornano a -10 sul 63-53, andando poi all’ultimo intervallo sul 65-55.

Il quarto periodo si apre con il canestro e fallo di Bozzetto, ma l’OraSì torna anche a -8 con la tripla di Musso e il canestro di Onojaife per il 68-60. I padroni di casa trovano gli aggiustamenti contro la difesa ravennate e le triple di Martini e Bolpin scavano il solco defintivo nella partita (74-60), con Chiusi che trova il massimo vantaggio sul 77-60. Nel finale Ravenna ricuce fino al -11, ma è troppo tardi e la gara termina sull’88-76.

Il post-partita

“C’è poco da dire – commenta Coach Lotesoriere –, abbiamo giocato per quindici minuti poi da parte nostra è stata una partita vergognosa. In campo c’erano cinque persone che pensavano ognuna a se stessa e per questo mi prendo io la responsabilità. Non si possono giocare partite così perché la nostra difesa non è stata di questo livello. Siamo riusciti a prendere ottantotto punti da una squadra che ha fatto ventidue palle perse e questo ci deve far molto ragionare su quello che non abbiamo fatto oggi”.

Il tabellino

Umana Chiusi – OraSì Basket Ravenna 88-76 (22-26, 42-38, 65-55)

Chiusi: Utomi 11, Candotto 2, Medford 21, Bolpin 13, Braccagni ne, Porfilio 6, Martini 12, Donzelli 7, Bozzetto 7, Raffaelli 2, Lazzeri ne, Possamai 7. All.: Giovanni Battista Bassi. Ass.: Giacomo Piersante, Luca Civinini.

Ravenna: Anthony 5, Giordano 2, Musso 11, Bartoli 15, Bocconcelli, Onojaife 3, Petrovic 8, Laghi ne, Bonacini 12, Lewis 20. All.: Alessandro Lotesoriere. Ass.: Giovanni Piastra, Roberto Villani.

Arbitri: Calogero Cappello di Porto Empedocle (AG), Paolo Puccini di Genova e Andrea Coraggio di Sora (FR).