Dura sconfitta in trasferta, avvio di campionato in salita con due sconfitte in due gare

Serata da dimenticare per i Blacks in casa della Virtus Padova. Le basse percentuali offensive, soprattutto da tre punti, e la mancanza di lucidità in alcuni momenti della gara, costano caro, ma per fortuna giovedì a Taranto nel turno infrasettimanale ci sarà già la possibilità di riscattarsi.

Faenza, partita ai nastri di partenza della stagione con ambizioni di alta classifica, non può infatti più sbagliare dopo la partenza con due sconfitte in altrettante gare.

La partita

I Raggisolaris litigano sin dai primi minuti con il canestro, costruendo buoni tiri senza però riuscire mai a finalizzarli. Padova parte sul 6-0 poi soffre a rimbalzo, ma nonostante ciò i Blacks ricuciono il gap soltanto fino al 12-16, arrivando sul 15-21 alla fine del primo quarto. Scanzi porta i suoi sul 28-17 e ancora una volta Faenza risponde attaccando con buone trame offensive, ma in attacco non è giornata. Galassi regala il 24-30 poi coach De Nicolao ‘alza’ il quintetto e Padova inizia a fare la differenza a rimbalzo, arrivando al riposo lungo avanti 39-29.

Il copione non cambia neanche nel terzo quarto. I Blacks ci provano, Padova mantiene i nervi saldi e mantiene costantemente un vantaggio intorno ai dieci punti. Nel finale manca un po’ di lucidità dovuta alla stanchezza e i veneti prendono il largo toccando il massimo vantaggio di 70-54.

Il tabellino

Virtus Padova – Blacks Faenza 76-61 (21-15; 39-29; 54-44)

VIRTUS PADOVA: Zanetti, Schiavon 3, Ius 2, Cecchinato 14, Antelli 7, Scanzi 22, Padovani, Ferrari 11, Osellieri 2, Molinaro 6, Guevara ne, Bianconi 9. All.: De Nicolao
BLACKS FAENZA: Galassi 3, Papa 6, Siberna 7, Vico 4, Naccari ne, Poggi 2, Ballarin ne, Petrucci 11, Aromando 10, Tomasini 16, Pastore 2. All.: Garelli
Arbitri: Biondi – Castellaneta
NOTE. Tiri da 2: PD: 20/40, FA: 19/45; Tiri da 3: PD: 4/18, FA: 3/28; Tiri liberi: PD: 24/31, FA: 14/16; Rimbalzi: PD: 52, FA: 38.