Bella prova dei ravennati contro Reggio Emilia

Sostenuti da uno stratosferico Bovolenta (31 punti) i ravennati vincono il derby dell’Emilia e risalgono ai piani alti della classifica

Una Consar mai doma riesce a vincere il derby dell’Emilia-Romagna per 3-1 contro la Conad Reggio Emilia. Partita male nel primo set si è rimessa in carreggiata grazie ad uno stratosferico Bovolenta mvp della serata (31 punti) in cui Grottoli ha preso più che degnamente il posto dell’infortunato Mengozzi che ha subito un infortunio importante nella scorsa partita con il Prata. Per un soddisfatto Bonitta una “bella prova di maturità”.

Nel calendario del campionato di A2 Credem Banca arriva il momento del derby regionale. Oggi al Pala de Andrè (717 spettatori) si affrontano infatti Consar Ravenna e Conad Reggio Emilia per un match con vista diretta sul terzo posto. Le due formazioni fanno infatti parte di quel gruppetto di sei che sono racchiuse in due punti dal terzo all’ottavo posto. La Consar, con il successo di giovedì sera sulla Tinet Prata, è salita a quota 17, al sesto posto insieme a Brescia, mentre la Conad, con la sconfitta patita a Cuneo, è ferma a 16 punti, ottava insieme a Porto Viro e per la prima volta in questo campionato non ha preso punti. Nel suo score fin qui figurano infatti sei tiebreak giocati (uno solo vinto) e tre successi per 3-1.

“Ci attende un’altra partita tosta, contro una formazione che non si arrende mai – sottolinea Bonitta -. Sicuramente avere fatto una grande partita a Grottazzolina e avere battuto la seconda in classifica, come ci era già successo qualche partita fa quando abbiamo incontrato Siena, è un bel segnale e porta grande autostima ed entusiasmo nel gruppo”.

La Consar scende in campo con Mancini al palleggio e Bovolenta opposto, Arasomwan e Grottoli, al cemtro, Orioli e Benavidez di banda. Livero Goi, allenatore Bonitta,

La Conad Reggio Emilia si presenta con Sperotto  al palleggio e Marks opposto, al centro Bonola e Volpe, di banda Mariano Suraci. Libero Pochini, allenatore Fanuli.

Arbitrano l’incontro Serafin e Clemente.

Parte bene la Consar  nel primo set con Grottoli al posto di Mengozzi che allunga sul 5-1 grazie ad un buon turino al servizio dello stesso Grottoli. Tanti errori al servizio (3 in avvio) per la Consar che però resta avanti (9-5) e poi a quota 10 grazie a un ace di Bovolenta. Ma Reggio torna sotto grazie ad un muro su Bovolenta (12-9) e un errore di Arasomwan dal centro e poi di Bovolenta porta Reggio al pareggio (12-12) in un set che sembrava a senso unico per i colori ravennati. Con un parziale di 7-1 Reggio va avanti 14-12 e poi 16-13 con la Consar in difficoltà. Ma ci pensano gli errori di Reggio a riportare i ravennati in corsa (17-16) e Fanuli ferma il gioco. L’attacco ravennate dal centro non funziona e Reggio torna avanti (17-18) e 19-21 dopo una bellissima e inutile difesa di Goi. Bovolenta non esce dalla morsa del muro di Reggio molto più preciso di quello ravennate (20-22) e poi 21-24. E la battuta in rete di Mancini segna la fine del set che va alla squadra di Reggio (22-25). Illude la Consar all’inizio ma poi l’evanescenza del muro (2 contro i 5 di Reggio) e dell’attacco ravennate spiana la strada agli emiliani.  Bovolenta il miglior attaccante con 10 punti a  dimostrazione di come Mancini si sia appoggiato su di lui con troppi palleggi scontati e relative murate subite.

Parte ancora una volta bene la Consar nel secondo set con un buon turno di Bovolenta al servizio e relativo ace (4-1). Un bel muro di Mancini consente a Ravenna l’allungo (6-2) e 8-5. Ci pensa una indecisione in ricezione a riportare sotto Reggio (8-6) e si spegne nuovamente la luce in casa Consar; così Bonitta ferma il gioco (10-9) e grazie ad una prodezza difensiva e al servizio di Bovolenta si va sul 14-10. Un ace di Benavidez porta la Consar sul 16-11 e poi 21-13 su due errori in attacco di Reggio. Un ace di Mancini porta la Consar a quota 23 e lo stesso Mancini serve la palla del set sul 24-13 e si chiude con una botta dal centro di Arasomwan sul 25-14.  Sempre Bovolenta sugli scudi (8 punti) ma buona anche la prestazione di Benavidez (4).

Parte tonica la Consar nel terzo set che con un ace di Orioli si porta sul 3-1 ma viene subito rimontata (5-5) e da lì in poi si procede punto a punto (10-10). Un ace di Benavidez rompe l’equilibrio (13-11)  e il solco si approfondisce con uno splendido attacco del solito Bovolenta (15-12). Molto fallosa al servizio Reggio e la Consar ringrazia. Un ace di Orioli porta il punteggio sul 19-15 e Fanuli ferma il gioco. Lo stop fa bene a Reggio che recupera un punto ma c’è Bovolenta che scatena da posto 6 e un ace di Feri rinforza il vantaggio (21-17). Poi ci pensa Grottoli dal centro  e Ravenna arriva a 22 sempre grazie comunque ad un buon servizio di Feri. Ed è Mariani a tirare in rete il punto del 25-18 per la Consar.

Parte bene Reggio nel quarto set e Bonitta ferma il gioco sullo 0-3. La Consar reagisce (7-7) e poi mette la freccia con Bovolenta (8-7) e poi 9-7 con un errore in attacco di Reggio.  E sul 10-7 per i ravennati Fanuli ferma il gioco dopo un break 5 punti consecutivi. Ma la Consar non molla e sale 11-7 con un bel muro e poi 12-7 con uno stratosferico attacco di Bovolenta. Reggio sembra avere mollato con la Consar che non concede nulla ed è precisa a muro: 16-8 quando Fanuli ferma ancora il gioco. Si prosegue con la Consar saldamente al comando (21-13) pur con qualche sbavatura (21-15) e Bonitta ferma il gioco. Ma oramai il set e la partita sono indirizzati verso Ravenna che chiude il set e la partita (25-17).