La Consar perde per 3-2 contro Siena

Siena espugna il Pala De Andrè per 3-2 ma i ravennati sono terzi il classifica

Era  il giorno della grande sfida tra Consar e Siena  e dopo una maratona di 150 minuti è Siena portare a casa la vittoria per 3-2 grazie ad un finale in cui i toscani hanno mostrato sangue freddo e determinazione mentre i ravennati hanno smesso di giocare quando il set e la partita era nelle loro mani avanti per 8-3 nel tie break. Peccato! Resta comunque che la Consar è terza in classifica a pari punti (40) con il Cuneo. “Onore a chi ha vinto – ha detto Bonitta a fine partita – e abbiamo pagato qualche errore di troppo. Ma siamo terzi in classifica ed è un ottimo risultato. Queste sono gli assaggi dei play off e serve sangue freddo”. Scadente l’arbitraggio della coppia Turtù-Toni.

Al Pala de Andrè (con soli 972 spettatori nonostante la rilevanza dell’incontro segno della migliorabile affezione dei ravennati al volley e non basta neppure essere terzi per riempire il palasport) si sono affrontate Consar Ravenna e Emma Villas Siena, match valido per la ventesima giornata del campionato di A2 Credem Banca, la settima del girone di ritorno. Dopo questa, ne mancheranno sei prima di arrivare al traguardo. E se il piazzamento attuale dei toscani non sorprende più di tanto essendo l’organico della Emma Villas costruito per tentare l’immediato ritorno in SuperLega, la posizione di classifica della Consar è oltre ogni rosea previsione ed esprime il grande percorso che Goi e compagni hanno saputo fare in questa stagione. “Partita importante ma non decisiva”, precisa subito il coach ravennate Marco Bonitta che poi però non nasconde la soddisfazione di vedere la sua squadra a questo livello.

Ravenna arriva a questo match sulla scia di 4 vittorie di fila e proprio in occasione del match d’andata giocato a Santa Croce ha dato il via alla sua sontuosa serie di 11 successi e due soli ko (a Grottazzolina e in casa con Cuneo). Siena ha interrotto domenica scorsa, perdendo in casa al tie-break con Brescia, una striscia di sette vittorie di fila ma va a punti regolarmente da nove gare e in trasferta ha un rendimento sontuoso, come testimoniano gli otto successi in nove gare: l’unico ko il 3-2 ad Aversa del 10 dicembre scorso.

La Consar Ravenna è scesa in campo con Mancini al palleggio e Bovolenta opposto, Orioli e Benavidez di banda, Mengozzi e Bartolucci al centro, libvero Goi, allenatore Bonitta.

Emma Villa Siena risponde con Nevot al palleggio e Krauchuk opposto, Copelli e Trillini al centro, Tallone e Pierotti di banda, libero Bonami, allenatore Graziosi.

Il primo set inizia con una serie di errori al servizio e le squadre che vanno punto a punto fino allo strappo di Siena (7-5) che poi  approfitta di una serie di errori in casa ravennate e vola sul 9-5 quando Bonitta ferma il gioco. Altra indecisione in attacco di Ravenna, salvataggio miracoloso di Siena e i toscani vanno sull’11-5. Un muro di Bartolucci dà speranze ai ravennati 7-11 ma Siena è ancora lontana e va sul 13-7 dopo un’invasione di Mancini. Siena continua a giocare alla perfezione il cambio palla,  Ravenna non punge in battuta e il set resta dalla parte bianconera (17-12). Entra al servizio Feri al posto di Mengozzi e il giovane friulano piazza l’ace che riavvicina i ravennati (18-15) che però non chiudono una situazione propizia e Siena riallunga sul 20-17. Sul 22-19 Bonitta manda in battuta Russo ma Siena vola sul 23-19 grazie ad un’altra ingenuità in casa Consar.  Ma Bovolenta tiene i suoi in gara e sul 23-21 è Graziosi a fermare il gioco imitato da Bonitta sul 24-21 ma non basta perché Siena chiude sul 25-22. Una Consar sprecona lascia via libera ad una più concreta Siena che sbaglia poco e ha in Krauchuk  e Pierotti buone bocche da fuoco (5 punti a testa) ma con Bovolenta top scorer a 9 punti.

Il secondo set vede lo strappo di Siena subito ricucito dalla Consar (5-5). Due muri consecutivi portano Ravenna avanti (9-7)  che poi vola sul 10-7 e Graziosi ferma il gioco. Troppi errori al servizio (alla fine del set saranno 6) da parte ravennate tengono lì i senesi (15-13) che con due muri su Bovolenta raggiungono la parità a quota 15. Un errore dei ravennati manda Siena avanti sul 22-21  che restituisce il favore ai ravennati (23-22). E poi il set ball è nelle mani di Benavidez e la Consar chiude con un muro di Mengozzi (25-22).

Il terzo set parte con un ace di Orioli e le squadre a braccetto e una discussa decisione arbitrale; due errori di Bovolenta portano avanti Siena (6-4) e poi 9-5 con Ravenna spenta e Bonitta ferma il gioco per stigliare i suoi giocatori. La mossa serve e Ravenna recupera 2 punti (9-7) poi si va punto a punto fino al turno di Benavidez al servizio che fa recuperare due punti a Ravenna che resta però sotto (13-16) ma con un guizzo raggiunge la parità (17-17 e Graziosi ferma il gioco. Un ace di Copelli rimanda avanti Siena (19-17) che consolida con un altro ace di Krauchuk (21-18) poi 22-18 grazia ad un’altra bomba al servizio dell’opposto di Siena. Altri due ace di Siena portano i toscani al set ball  che viene subito trasformato (25-18). Un set spesso in parità vinto dall’opposto senese con un turno micidiale a fine set.

Nel quarto set i ravennati iniziano con due errori consecutivi al servizio e lo sguardo di Bonitta che incenerisce i suoi. Siena va subito avanti (8-6) ma Ravenna ricuce grazie a due errori dei senesi e mette la freccia con un muro di Bartolucci. Ravenna restituisce – con in campo Russo al palleggio al posto di un Mancini non troppo in vena – il favore e Siena torna avanti (11-10) ma un attacco fuori dei toscani rimanda Ravenna avanti (14-13). Un ace di Bovolenta, finalmente, manda Ravenna avanti di 3 punti (15-12) che ora schiera Falardeau al posto di Benavidez e vola sul 18-14. Un grandioso muro di Bartolucci porta Ravenna sul 20-15 e Graziosi ferma il gioco ma Bonitta sembra aver trovato la quadra con gli innesti nel corso del quarto set. Un muro su Orioli riporta sotto i senesi (20-17) e Bonitta ferma il gioco. E Ravenna riparte forte (23-17) con il set ball nelle mani di Bartolucci e Bovolenta mette giù il punto del 25-19 in un set entusiasmante per i cambi di fronte e soprattutto i cambi effettuati da Bonitta che ha azzeccato il sestetto giusto con Bartolucci a quota 4 punti appena sotto di 1 da Bovolenta.

Il tie break parte con Ravenna a mille e uno scatenato Orioli a siglare due punti d’oro dopo due difese fantastiche e un buon servizio di Russo. Momenti di tensione che favoriscono Siena che pareggia ma Ravenna scatta sul 5-2 dopo due errori di troppo dei senesi. Un muro fantastico di Falardeau porta Ravenna avanti 7-3 e Graziosi ferma il gioco. Ma non basta perché prima del cambio di campo arriva l’ace di Bartolucci (8-3). Ma Siena è viva e rimonta 8-6 con un buon turno al  servizio di Pierucci e un errore di Bovolenta in attacco. Bonitta ferma il gioco ma Siena mura Bovolenta e arriva a un solo punto (8-7) e poi pareggia 9-9 su una indecisione ravennate e va avanti 11-10 e poi 12-10 con Ravenna che ha spento la luce e Siena vola sul 13-10 con Bonitta che ha rimesso in campo Mancini e Benavidez ma la squadra resta al buio ed è Siena ad avere tre match point a disposizione Un ace di Feri illude Ravennati ma è Siena a chiudere il set 15-12.