I ragazzi di Bonitta (foto di repertorio) tornano da Prata con solo 1 punto

La maledizione del tie break colpisce per la quarta volta consecutiva – Avanti per 14-11 i ragazzi di Bonitta si fanno rimontare e perdono la partita

La maledizione del tie break (4 persi nelle ultime 4 partite) colpisce ancora e la Consar Ravenna che esce sconfitta dal campo di Prata di Pordenone. Sotto per 2-0 i ragazzi di Bonitta rimontano 2-2 e poi avanti 14-11 nel tie break si disuniscono completamente e lasciano spazio alla rimonta di Prata che con cinque punti consecutivi fa sua la partita e si porta a un solo punto dai ravennati che salgono a 42.

La Consar Ravenna gioca con Mancini e Bovolenta opposto, Orioli e Benavidez a schiacciare, al centro Bartolucci e Mengozzi, libero Goi, allenatore Bonitta.

La Tinet Prata si oppone con Bellanova al palleggio e Lucconi opposto, Scopelliti e Katalan al centro, Schiacciatori Terpin e Petras. Libero De Angelis, allenatore Boninfante.

Il primo set vede un avvio in parità con i ravennati imprecisi in ricezione che regalano pallati ai friulani (4-4) che poi incappano nel muro dei ravennati per due punti consecutivi (4-6). Due schiacciate di Orioli portano Ravenna a + 4 e Boninfante ferma il gioco sul 9-5 per i ravennati. Ravenna attenta a muro con Mengozzi va sul 12-6 ma poi concede troppo agli avversari che salgono 12-14 grazie a turni alla battuta importanti che porta Prata a -1 e Bonitta ferma il gioco (13-14) ma non serve perché Prata raggiunge la parità a quota 15. Ravenna torna fallosa in ricezione Prata mette la freccia (17-16) e poi tiene il bandolo del set con i ravennati che hanno nuovamente spento la luce in ricezione. Ma è Bovolenta che spinge con la battuta (22-22) anche se poi i ravennati cedono con un muro di Scopelliti un set (26-24) che hanno regalato dopo aver avuto un vantaggio di sette punti.

Il secondo set riparte dove era finito il primo con Prata decisamente più concreta (specie al servizio e in attacco) e ravennati poco incisivi in attacco (10-6) e Bonitta si affida in regia a Russo mandando in panchina Mancini ma Prata mantiene un solido +5 (18-13) e Bonitta, sconsolato, ferma il gioco. E poi, dopo un errore del suo opposto, sostituisce Bovolenta con Arasomwan e mette Feri in ricezione al posto di Orioli. Ma poco cambia e Prata vince il set 25-19. Un cambio tardivo che, nonostante un ingresso positivo dalla panchina. Non è riuscito a cambiare l’inerzia di un set giocato davvero male a una Consar che si è arresa senza lottare alla precisione in attacco di Prata, in primis di Terpin e Lucconi.

Il terzo set si apre con Prata ancora in evidenza dalla linea di battuta e l’ace di Petras porta in vantaggio i friulani (4-2) ma Ravenna registra il muro e va avanti 7-6 con un block di Orioli. E’ l’inizio una bella fase di gioco per u ravennati che volano 11-6 con muri e attacchi finalmente di buon livello anche in conseguenza del calo di Prata. Che esce di fatto dal campo (9-18) e Boninfante mette ruota tutti i suoi giocatori nella speranza di invertire l’inerzia di un set che sembra segnato. E che la Consar chiude con un rotondo 25-15 e va detto che è stata l’unica squadra in campo dopo un calo inaspettato di Prata.

Parte bene Ravenna nel quarto set con un rotondo 10-5 dopo un ace di Mancini e una buina fase di muro-difesa. IL 13-8 è frutto di un’astuzia di Bovolenta che si è ripreso. Una svita in ricezione di Benavidez riporta sotto Prata (10-13) e un muro su Bovolenta porta Bonitta a fermare il gioco e la rimonta di Prata (11-13). Un muro su Orioli porta a meno 1 i friulani e Bonitta cambia regista e si affida a Russo. Ma i friulani mettono a punto il muro e Ravenna non passa più (16-16). La Consar si risetta, ritrova il muro e l’attacco e vola sul 22-18 quando Boninfante ferma il gioco, ma il set è segnato e la Consar chiude 20-25.

Sarà di nuovo il tie break come all’andata a decidere la sorta del match. Scatta Prata (3-1) ma Ravenna ricuce con Bovolenta superstar e va avanti (4-5) con un ace di Benavidez. Si gira con i ravennati avanti di 2 punti (6-8) e sul 6-9, dopo un brutto errore di Petras, Boninfante ferma il gioco. Un ace di Petras riporta sotto Prata (9-10) e poi altro ace (10-10) e un provvidenziale muro di Mengozzi toglie il servizio a Petras.  Poi Ravenna riprende a macinare il suo gioco e arriva al match point (11-14) grazie anche a un buon turno di battuta di Bovolenta. Un muro su Bartolucci avvicina i friulani che hanno in battuta Alberini e Bonitta ferma il gioco sul 13-14. 14 pari con un muro su Bovolenta e poi ancora un muro sull’opposto ravennate e un suo errore in attacco porta Prata a vincere il set sul 16-14 dopo aver subito 5 punti consecutivi.