La grinta di Bovolenta (immagine di repertorio) non è bastata alla Consar per vincere a Prata

I friulani vincono per 3-2 e per i play off e tutto è rimandato alla bella di domenica prossima al Pala Costa

Sembrava fatta dopo un iniziale 2-0 per la Consar con la Tinet Prata in bambola ma i friulani sono ripartiti alla grande e mettendo insieme servizio e muro hanno ripreso il filo del gioco che invece la Consar ha smarrito. E dal Friuli si torna con una sconfitta per 3-2 che apre la strada alla bella dei play off che si giocherà domenica 7 aprile alle ore 18 al Pala Costa.

La Consar Ravenna scende in campo con Russo al palleggio e Bovolenta opposto, Orioli e Raptis di banda, Bartolucci e Mengozzi al centro, libero Goi; allenatore Bonitta.

Tinet Prata risponde con Alberini al palleggio e Lucconi opposto, Katalan e Scopelliti al centro, Terpin e Petras di banda, libero De Angelis; allenatore Boninfante.

Dirigono la sfida Michele Marconi di Pavia e Dario Grossi di Roma

La partita parte con un ace di Petras ma poi le squadre procedono punto a punto e il primo break è di Ravenna 9-6) grazie a due punti consecutivi di Bovolenta. E poi il turno di servizio di Russo porta la Consar 11-6. Sul 14-8 dopo un errore di Terpin e Boninfante ferma nuovamente il gioco dopo un primo parziale con una percentuale di attacco del solo 29% per la Tinet conto il 43% di Ravenna. Il turno di Raptis in battuta porta la Consar a + 8 (17-9). Un muro di Mengozzi porta Tavenna a quota 20 e Prata insegue a 11 e il set è saldamente in mano della Consar che prevale 25-13. Una sola squadra in campo: la Consar che non ha incontrato la minima resistenza da parte di Prata che pare rimasta al Pala De Andrè dove uscì sconfitta con parziali nettissimo. Ma questo è ancora più netto di quelli fatti registrare giovedì scorso.

Parte bene la Tinet nel secondo set ma Raptis si fa perdonare u errore in attacco con un ace che riporta i Ravennati sul 3-3. Un altro ace di Raptis manda avanti Ravenna (4-3). Un ace di Luconi riporta avanti Prata e due muri dei friulani portano la Tinet a + 2 (11-9). Ma la Consar recupera subito (12-12) e poi un ace di Raptsi e en bel punto di Bovolenta portano la Consar a +2 (14-12) quando Boninfante ferma il gioco. Il quarto muro di Mengozzi porta Ravenna quota 16 che continua a murare benissimo e sul 19-14 Boninfante ferma ancora il gioco. E’ Bonitta a fermare il gioco dopo un muro su Bovolenta (20-18). Un errore di Lucono porta Ravenna quota 23 ma due muri su Bovolenta riportano sotto la Tinet ma la Consar chiude 25-22 con un muro di Orioli.

Consar tonica anche in avvio di terzo set (7-4) con Mengozzi brillante (8 puti fino ad ora) e un pallonetto di Raptis, positivissimo, porta a + 4 la Consar e Boninfante ferma il gioco (11-7). Due errori ravennati (Rapris e Orioli) e Bonitta arrabbiato ferma il gioco (11-9). Due errori in ricezione dei ravennati e la Tinet si riavvicina (14-12) e poi riagguanta i ravennati dopo due errori di troppo (17-17). Ma la Tinet c’è e dopo un ace di Terpin i friulano volano a + 2 (22-20) e poi 23-20 dopo una sparata fuori di Bovolenta. E la Tinet chiude 25-22 in cui la Consar ha perso smalto.

Nel quarto set riparte bene Prata (4-1) con Bovolenta che appare un po’ scarico. La Tinet arriva 6-2 e Bonitta ferma il gioco con una Consar irriconoscibile rispetto ai primi due set  e un calo iniziato già nel terzo. Continua la fase negativa con i ravennati murati due volte (prima Raptis e poi Mengozzi) e Bonitta lancia nella mischia Mancini ma c’è subito un ace di Katalan (10-5). Un fortunato ace di Terpin fa volare la Tinet (13-8) che comunque ha nella battuta la sua arma migliore potenziata da una Consar irriconoscibile e sul 19-11 Bonitta ferma per l’ultima volta il gioco. Anche Bovolenta si arrende e spara furori il punto del 22-14 e poi Scopelliti fa il settimo muro e Terpin in battura chiude il set 25-15.

Riparte benissimo Prata nel tie break con un servizio pregevole di Lucconi (3-2)  e poi 5-2 con Petras.  Si gira 8-6 per Prata che sembra averne di più e Bonitta sul 9-6 ferma il gioco. Un muro di Bartolucci ridà speranza ai ravennati e Boninfante ferma il gioco (9-8 per Prata). Bovolenta guadagna il 10 pari e poi si va punto a punto con Bovolenta che spreca il 13-12 e Prata ha i match point in mano e non spreca quello del 17-15.