Sabato 6 aprile e domenica 7 aprile, il gruppo sportivo “Lamone” riporterà a Russi, con tante novità, la quarantaseiesima edizione della seconda maratona più antica d’Italia

Sabato 6 aprile e domenica 7 aprile, il gruppo sportivo “Lamone” riporterà a Russi la quarantaseiesima edizione della “Maratona del  Lamone”, la seconda maratona più antica d’Italia, gara a livello nazionale che, nonostante la sua longevità, come affermato in una nota, non perde il suo fascino, proponendo, ogni anno, delle novità.

Per l’edizione del 2024, il gruppo sportivo ha scelto di suddividere l’evento su due giorni, così da dare più spazio alle cosiddette “Promesse di Romagna”, gare riservate ai giovani dai quattro anni ai diciassette anni, e che quest’ anno festeggeranno la trentunesima edizione con partenza proprio da Russi. Sabato 6 aprile sarà, quindi, dedicato interamente ai ragazzi. Alle 15.30, in piazza Farini, sono così in programma un truccabimbi, con dj Gippo, con musica per allietare i bambini e per scaldare i muscoli prima del via, prosegue la nota. La gara vera e propria. invece, inizierà alle 17, con partenze scaglionate a seconda delle categorie. Al termine della competizione, grazie al contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Ravenna, tutti i partecipanti riceveranno il premio e una medaglia, il cui disegno è stato scelto tra i numerosi bozzetti realizzati nell’ambito di un progetto proposto ai ragazzi del centro “Paradiso” di Russi. Il gruppo più numeroso si aggiudicherà il trofeo alla memoria di Evaristo Guerra, promotore delle “Promesse di Romagna”.

Domenica 7 aprile, invece, già alle 7, la piazza di Russi sarà invasa dai colori delle maglie dei podisti provenienti da tutta Italia, e non solo, prosegue la nota. La quarantaseiesima edizione della “Maratona del Lamone”, su 42,195 chilometri, al momento conta al momento 675 iscritti, di cui 535 uomini e 140 donne, in crescita rispetto all’edizione precedente, data anche la promozione dell’evento nelle loro zone di provenienza da parte di molti partecipanti, che ritornano a ogni edizione della manifestazione sportiva. Gli atleti saranno accolti dalla “Banda città di Russi” e dalle majorette e dalle fruste del gruppo “Cassani” di Solarolo, che hanno colto con orgoglio e con entusiasmo questa collaborazione, aggiunge la nota. Alle 9, i giudici fidal daranno, quindi, inizio alla gara, con la maratona che è la prima tappa del cosiddetto “Trittico di Romagna”, rassegna cui seguirà la 50 chilometri di Castel Bolognese, in programma giovedì 25 aprile, e, infine, la 100 chilometri del Passatore, a Faenza, in calendario sabato 25 maggio e domenica 26 maggio. I maratoneti, poi, potranno contare sul sostegno del gruppo pacers “Gli originali”, che cadenzeranno i tempi di percorrenza della maratona segnata sulle vele.

Per quanto riguarda i premi, da sempre. continua la nota, la “Maratona del Lamone” si distingue per le premiazioni. Saranno infatti premiati cento uomini, divisi in nove categorie e, invenzione russiana poi imitata da molti, tutte le donne che porteranno a termine il percorso entro le sei ore e mezza. Il presidente dell’Avis comunale di Russi, inoltre, consegnerà il trofeo in memoria di Mario Collina al primo uomo e alla prima donna del Comune del paese. Per quanto concerne le premiazioni con cerimoniale, oltre ai bonus in contante, al primo uomo e alla prima donna verrà consegnato il “Trofeo città di Russi”. Sul palco, poi, verranno premiati anche i primi tre classificati e, al primo di ogni categoria, verrà consegnato un quadro in ceramica, opera di Daniele Cristofori, pittore di Russi Anche il disegno della medaglia, opera di Caravita, professoressa, riprende la chiesina di San Giacomo e una parte del palazzo. La medaglia, in maiolica lavorata a mano, invece, è prodotta dalla bottega Verzolini ed è unica nel suo genere. Completano il pacco gara le foto che ogni atleta potrà scaricare gratuitamente dal sito web www.endupix.net. A disposizione dei maratoneti, infine, il “Pasta party”, frutto della collaborazione col bar Jolly di Russi.

Sabato 6 aprile e domenica 7 aprile, il gruppo sportivo “Lamone” riporterà a Russi la quarantaseiesima edizione della “Maratona del  Lamone”, gestita unicamente da volontari, grazie al sostegno dell’amministrazione comunale di Russi e di tanti sponsor, e grazie alla collaborazione della parrocchia di Sant’Apollinare, la seconda maratona più antica d’Italia, gara a livello nazionale che, nonostante la sua longevità, come affermato in una nota, non perde il suo fascino, proponendo, ogni anno, delle novità.

Per l’edizione del 2024, il gruppo sportivo ha scelto di suddividere l’evento su due giorni, così da dare più spazio alle cosiddette “Promesse di Romagna”, gare riservate ai giovani dai quattro anni ai diciassette anni, e che quest’ anno festeggeranno la trentunesima edizione con partenza proprio da Russi. Sabato 6 aprile sarà, quindi, dedicato interamente ai ragazzi. Alle 15.30, in piazza Farini, sono così in programma un truccabimbi, con dj Gippo, con musica per allietare i bambini e per scaldare i muscoli prima del via, prosegue la nota. La gara vera e propria. invece, inizierà alle 17, con partenze scaglionate a seconda delle categorie. Al termine della competizione, grazie al contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Ravenna, tutti i partecipanti riceveranno il premio e una medaglia, il cui disegno è stato scelto tra i numerosi bozzetti realizzati nell’ambito di un progetto proposto ai ragazzi del centro “Paradiso” di Russi. Il gruppo più numeroso si aggiudicherà il trofeo alla memoria di Evaristo Guerra, promotore delle “Promesse di Romagna”.

Domenica 7 aprile, invece, già alle 7, la piazza di Russi sarà invasa dai colori delle maglie dei podisti provenienti da tutta Italia, e non solo, prosegue la nota. La quarantaseiesima edizione della “Maratona del Lamone”, su 42,195 chilometri, al momento conta al momento 675 iscritti, di cui 535 uomini e 140 donne, in crescita rispetto all’edizione precedente, data anche la promozione dell’evento nelle loro zone di provenienza da parte di molti partecipanti, che ritornano a ogni edizione della manifestazione sportiva. Gli atleti saranno accolti dalla “Banda città di Russi” e dalle majorette e dalle fruste del gruppo “Cassani” di Solarolo, che hanno colto con orgoglio e con entusiasmo questa collaborazione, aggiunge la nota. Alle 9, i giudici fidal daranno, quindi, inizio alla gara, con la maratona che è la prima tappa del cosiddetto “Trittico di Romagna”, rassegna cui seguirà la 50 chilometri di Castel Bolognese, in programma giovedì 25 aprile, e, infine, la 100 chilometri del Passatore, a Faenza, in calendario sabato 25 maggio e domenica 26 maggio. I maratoneti, poi, potranno contare sul sostegno del gruppo pacers “Gli originali”, che cadenzeranno i tempi di percorrenza della maratona segnata sulle vele. 

Tra l’altro, la gara in programma sabato 6 aprile e domenica 7 aprile, a Russi, sarà ecologica. Precederà la gara, infatti, un’auto elettrica, elettrica come quella del fine corsa. Inoltre, saranno ecologici anche il materiale nei ristori e il “Pasta party”, successivamente illustrato. Sotto il loggiato, invece, sarà disponibile una postazione per i massaggi, a cura del dottor Aldo Valerioti e, già dal primo mattino, i “Lions club di Russi”, in collaborazione con la pubblica assistenza, effettueranno, sia agli atleti che a tutti coloro che desiderano approfittare dell’opportunità, il controllo della glicemia gratuitamente, prosegue la nota.

Per quanto riguarda i premi, da sempre. continua la nota, la “Maratona del Lamone” si distingue per le premiazioni. Saranno infatti premiati cento uomini, divisi in nove categorie e, invenzione russiana poi imitata da molti, tutte le donne che porteranno a termine il percorso entro le sei ore e mezza. Il presidente dell’Avis comunale di Russi, inoltre, consegnerà il trofeo in memoria di Mario Collina al primo uomo e alla prima donna del Comune del paese. Per quanto concerne le premiazioni con cerimoniale, oltre ai bonus in contante, al primo uomo e alla prima donna verrà consegnato il “Trofeo città di Russi”. Sul palco, poi, verranno premiati anche i primi tre classificati e, al primo di ogni categoria, verrà consegnato un quadro in ceramica, opera di Daniele Cristofori, pittore di Russi Anche il disegno della medaglia, opera di Caravita, professoressa, riprende la chiesina di San Giacomo e una parte del palazzo. La medaglia, in maiolica lavorata a mano, invece, è prodotta dalla bottega Verzolini ed è unica nel suo genere. Completano il pacco gara le foto che ogni atleta potrà scaricare gratuitamente dal sito web www.endupix.net. A disposizione dei maratoneti, infine, il “Pasta party”, frutto della collaborazione col bar Jolly di Russi.

Per quanto concerne gli eventi collaterali, domenica 7 aprile, alle 9.15, una volta partita la maratona, prenderà il via “Al tuo passo sul Lamone corri per la ricerca”, podistiche a favore dello Ior, l’Istituto oncologico romagnolo. Le camminate ludico-motorie e nordic walking, aperte a tutti, più specificatamente, sono una passeggiata di sette chilometri, con una visita all’area di riequilibrio ecologico “Villa romana” fino a palazzo San Giacomo, in collaborazione con WWF e con la pro loco di Russi, e una dieci chilometri podistica non competitiva, attraverso San Giacomo e il fiume Lamone, il cui aspetto è completamente cambiato dopo l’alluvione del maggio del 2023, entrambe sostenute dalla  filiale di Russi della BCC-Banca di credito cooperativo ravennate forlivese e imolese, aggiunge la nota. 

Infine, capitolo iscrizioni. Per partecipare alle podistiche è necessario o pagare, in anticipo, 10€, ricevendo, così, la maglia della maratona, il pettorale nominativo, un prodotto Orva e il sostegno allo Ior per la ricerca, oppure pagare, o sabato 6 aprile o domenica 7 aprile, in base all’evento al quale si vuole prendere parte, 2,50€ e ritirare una confezione di piadina Randi. In caso rimanessero delle maglie, l’iscrizione a 10€, ossia la prima elencata,  può essere fatta anche la mattina stessa della gara, prosegue la nota. La “Maratona del Lamone” sarà anche trasmessa su “Di tv”, il canale telematico sportivo di Teleromagna-on demand, consultabile visitando il sito web www.qasport.tv, con gli orari, comunque sempre visibili su internet, che verranno comunicati durante lo svolgimento della manifestazione, conclude la nota.

In merito alla “Maratona del Lamone”, in programma sabato 6 aprile e domenica 7 aprile, a Russi, si è espressa Lucia Sassi, presidente sia del gruppo sportivo “Lamone” che della consulta dello sport di Russi, con le seguenti parole: “La ‘Maratona del Lamone’ è sicuramente una manifestazione podistica, ma per Russi deve essere anche una grande festa, un’occasione dove riconfermare valori e concetti come la solidarietà, l’accoglienza, l’amicizia, l’ambiente, la salute e la sua storia. A nome del comitato organizzatore, ringrazio Valentina Palli, sindaca del paese; Mirco Frega, assessore allo sport del Comune di Russi; tutta l’amministrazione comunale russiana; l’ufficio cultura, turismo e sport; e tutto il personale tecnico. Grazie anche a tutti gli amici delle altre società podistiche che hanno dato la loro disponibilità. Ringrazio, infine, il consiglio direttivo del gruppo sportivo ‘Lamone’ e tutti i soci che stanno collaborando alla buona riuscita di questa edizione”, ha concluso la Sassi.

Infine, in merito al tema, parola anche a Mirco Frega, assessore allo sport del Comune di Russi, che si è così espresso: “Siamo orgogliosi di presentare il principale evento sportivo di Russi, che ogni anno richiama sul nostro territorio centinaia di partecipanti da tutta Italia, e non solo. La macchina organizzativa è ormai rodata, ma è doveroso ringraziare tutti coloro che, ogni anno, si impegnano per realizzare questa iniziativa, trasformandola anche in un’occasione di festa all’insegna dello sport”, ha terminato Frega.