Coach Bernardi
Coach Bernardi

Il match oggi alle 18 al PalaCosta

Importante partita quella di oggi, domenica 14 aprile, alle 18 al PalaCosta tra Ravenna e Vicenza. Le sensazioni di Massimo Bernardi dopo questa settimana di allenamenti.

“Ci siamo allenati bene questa settimana. Abbiamo lavorato con grande attenzione ma anche con la giusta intensità e determinazione perciò mi sento di dire che la partita è stata preparata nel modo giusto. La sfida con Vicenza può essere decisiva e sappiamo di avere il destino nelle nostre mani. Giochiamo in casa davanti al nostro pubblico perciò dobbiamo soltanto fare quello che abbiamo preparato”.

La stagione di Vicenza è stata complicata, ha perso nel girone di ritorno Ambrosetti e Terenzi e ha cambiato allenatore. Come li giudichi al momento?

“E’ una squadra che comunque ha due giocatori particolarmente pericolosi come il loro funambolico playmaker Cucchiaro e l’ala Bugatti. Ambrosetti è fuori già da tempo ma la Civitus è una squadra che gioca bene in un determinato modo con dinamiche legate a Cucchiaro che è un playmaker che corre molto, che ha grandissima energia ed attacca il canestro. È tra l’altro bravissimo nel palleggio arresto e tiro e quindi dovremo fare una più che buona difesa su di lui sia individualmente che di squadra. L’altro riferimento è Bugatti, che segna più di sedici punti di media a partita. È un quattro anomalo, non atletico ma con grande talento e grande tocco nelle mani”.

Che impatto hanno gli altri giocatori?

“Sotto canestro ci sono Riva e Campiello. Brambilla è un altro atleta di carattere che gioca sia da tre che da quattro e dà grande energia alla squadra. Vicenza, insomma, gioca in quel modo lì e noi dovremo essere bravi a saper dettare i ritmi”.

Nikolic o Uljarevic?
“Vediamo prima della partita”.

Un pensiero per i sostenitori dell’OraSì?

“Voglio fare l’appello al nostro pubblico di venire numeroso, di riempire il palazzetto perché questa è una partita che può darci il responso finale del campionato e la garanzia del raggiungimento del nostro obiettivo. Abbiamo veramente bisogno del loro entusiasmo e della loro partecipazione, quindi, spero che oggi ci sia un Palacosta stracolmo con tutti i tifosi in piedi ad incitarci”.