L’assessore Costantini: “L’obiettivo è costruire una comunità di ambasciatori delle bellezze della città”

Si sono appena conclusi due percorsi di formazione per gli Operatori turistici, Proloco e Comitati cittadini dei Lidi ravennati, avviati dall’assessorato a Turismo e Smart City nell’ambito del progetto #myRavenna Ambassador – iniziato lo scorso anno in pieno lockdown per comunicare la città  attraverso lo sguardo di chi la vive, ci lavora e la conosce nel profondo.

I due appuntamenti hanno registrato una buona adesione di partecipanti.

“In questo tempo sospeso – dichiara l’assessore al Turismo Giacomo Costantini – non potendo ospitare gli appuntamenti in presenza come gli eductour, abbiamo voluto continuare il percorso di myRavenna Ambassador, per offrire la migliore accoglienza possibile, come destinazione turistica, non limitandoci a dare le informazioni di servizio, ma dando un’accoglienza a 360°, anche dal punto di vista storico-artistico, naturalistico e digitale e soprattutto coinvolgendo operatori e cittadini, perché una vera destinazione turistica deve andare oltre gli uffici informazione e costruire una comunità di ambasciatori”.

Il primo percorso ha visto tre incontri di formazione on line per approfondire i temi storico – artistici e naturalistici del nostro territorio e rafforzare la straordinaria accoglienza dei nostri operatori turistici nel presentare le proprie bellezze artistiche e naturali, dalla città d’arte al mare.

Nell’ambito del programma dell’Agenda Digitale, invece, si sono svolti tre incontri online dedicati agli amministratori dei gruppi facebook locali, Comunità virtuali e turismo nei lidi ravennati, grazie ai quali sono state condivise la Netiquette per gruppi facebook e conversazioni virtuali e il manifesto parole ostili. Si tratta di una serie di norme di buon comportamento e buona comunicazione composte dagli amministratori dei gruppi facebook di Ravenna, finalizzate a favorire il dialogo e risolvere pacificamente i conflitti. Le attività di Agenda Digitale hanno l’obiettivo di diffondere competenze digitali alla cittadinanza e attivare e sostenere buone pratiche di collaborazione tra cittadini e amministrazione pubblica, sui temi legati all’innovazione tecnologica, con particolare attenzione alla comunicazione digitale.