Paradiso (ph. Daniele Casadio)

Dal oggi al 2 luglio (tutti i giorni tranne il lunedì) alle 18 e alle 21 alle Artificerie Almagià

Cos’è il Paradiso? È uno luogo altro, un incontro, un confronto, una comunità. È un cammino che gruppo nanou ha percorso con l’artista visivo Alfredo Pirri e il musicista Bruno Dorella: lo spazio scenico di Pirri, i suoni di Dorella, le luci fluttuanti di Marco Valerio Amico, che firma il dispositivo coreografico per otto danzatori con Rhuena Bracci, immergono lo spettatore-visitatore nella meraviglia che Dante stentava a descrivere con le parole. Da oggi, venerdì 17 giugno al 2 luglio (tutti i giorni tranne il lunedì), alle 18 e alle 21, con Paradiso – una produzione di Nanou Associazione Culturale e Ravenna Festival – le Artificerie Almagià sono trasfigurate in uno spazio abitato da figure leggere ed evanescenti ispirate dalla cantica dantesca, dove tutto si muove e vibra; un campo lungo cinematografico per una coreografia in sinergia con l’arte visiva. E che rende più che mai evidente la necessità di tornare a un approccio da avanguardia dove l’arte coreutica, attraverso il dialogo con tutte le discipline artistiche, riscrive il patto tra performance, luogo e spettatore, chiamato a fare parte di una comunità estemporanea che sceglie liberamente come muoversi, quanto restare e cosa osservare. Venerdì 1 luglio le musiche saranno eseguite live dall’autore Bruno Dorella. L’appuntamento è reso possibile dal sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e dal contributo straordinario del Comune di Ravenna.

Stimolato dalla riflessione su questioni nodali legate alla possibilità dello spettacolo dal vivo in tempi post-pandemici, Paradiso è un progetto collettivo il cui percorso è iniziato nel 2021 e – attraverso appuntamenti, residenze e bozzetti – oggi approda a un appuntamento che sfugge tanto al tradizionale concetto di inizio e fine della performance quanto a quello di fruizione frontale. A Paradiso si accede come a una mostra e ci si muove attraverso lo spazio performativo, diventando parte del rituale: danzatori e spettatori sono parimenti immersi nella visione. Composta di tappeti specchianti, la scena si sfalda, fluttua, scompone anche i corpi in moto e finisce per ridisegnare la geometria dello spazio stesso… che così diventa indissolubilmente legato al punto di vista di ogni ospite, in consonanza con quanto Dante afferma circa l’impossibilità di descrivere il Paradiso in modo univoco.

Nel dispositivo coreografico messo a punto da Marco Valerio Amico e Rhuena Bracci, il danzatore si allena per mantenere intatta la propria identità e i propri principi relazionali senza fissarli sui partner. Durante lo spettacolo ogni interprete è “solo”, privo di un’esperienza pregressa che consenta di ricorrere a forme prestabilite; ogni performance finisce per essere unica e irripetibile, determinata dall’incontro-scontro con gli altri corpi e la scena. In questo modo nemmeno i coreografi possono prevedere le combinazioni che si realizzeranno e le variazioni sono potenzialmente infinite. L’obiettivo? Superare l’idea che quella dello spettatore sia solo un’esperienza visiva, a favore di una vera immersione nello spettacolo, anche grazie alla luce diffusa che annulla i confini fra spazio della performance e spazio del pubblico. 

Alfredo Pirri ha concepito la scena a partire da un’idea di Paradiso come un “inno al luminoso”, la cui spazialità è fondata su movimenti circolari continui e centrifughi, un’accelerazione che diventa slancio verso l’alto. Attraverso luce e colore si dà struttura al vuoto, si converte l’invisibile in visibile in un’architettura di contrappunti e armonie fra solido e trasparente, luminoso e opaco, racconto e informale. In questo mondo liquido, la danza è un continuum: l’interazione tra la luce e le superfici specchianti e la prossimità con i corpi creano una sensazione di perdita di contatto con il terreno, quasi un trampolino verso il vuoto.

Info e prevendite: 0544 249244 – www.ravennafestival.org

Biglietti: posto unico 10 Euro(la vendita online è attiva fino all’inizio dello spettacolo)

Da venerdì 17 giugno a sabato 2 luglio
(tutti i giorni tranne il lunedì, 28 repliche)
Artificerie Almagià, ore 18 e ore 21
gruppo nanou

Paradiso

progetto gruppo nanou, Alfredo Pirri, Bruno Dorella
coreografie Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci
spazio scenico Alfredo Pirri
musiche Bruno Dorella
luci Marco Valerio Amico
colori Marco Valerio Amico, Alfredo Pirri
costumi Rhuena Bracci
con Carolina Amoretti, Marina Bertoni, Rhuena Bracci, Andrea Dionisi, Agnese Gabrielli, Marco Maretti, Emanuel Santos, Michele Scappa
produzione Nanou Associazione Culturale, Ravenna Festival
con il contributo di MIC, Regione Emilia-Romagna, Comune di Ravenna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna
con la collaborazione di Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi” di Milano
con il sostegno di Centro di Residenza della Toscana (Armunia-CapoTrave/Kilowatt), E Production, ATCL Circuito Multidisciplinare del Lazio per Spazio Rossellini Polo Culturale Multidisciplinare della Regione Lazio, C.U.R.A. Centro Umbro Residenze Artistiche, Spazio ZUT!, Indisciplinarte, La Mama Umbria International